CentrOterra

Come arrivare nel mio studio a Trieste, in salita Monte Valerio 33

In autobus:

salendo da città, sulle linee 17 - 17/ - 4 – 39 scendi alla fermata successiva a quella del supermercato Despar di via Fabio Severo.

Appena attraversata la strada guardando verso l’università, vedrai una piccola salita quella è Salita Monte Valerio (cartello per ERDISU, Campus Universitario), percorrila per 5 minuti a passo tranquillo e, laddove la strada si allarga un po’ tanto che sulla sx ci sono dei parcheggi a pettine, subito prima del bosco di fronte a te sulla dx vedrai una casa rosa, ormai abbastanza sbiadito, a due piani con le imposte verdi, quello è il 33!
L’ingresso dello studio è sul retro della casa al piano terra.

In auto:

salendo da città appena passato il grande incrocio con aiuole spartitraffico tra via Fabio Severo, via Cantù e via Cologna, sulla sinistra c’è una piccola salita che inizia dove c’è una fontana pubblica, quella è Salita Monte Valerio. Ti consiglio di parcheggiare in via Cantù o verso l’Università in Piazzale Europa perché in Salita Monte Valerio c’è una limitata disponibilità di parcheggio e, poichè la via è piuttosto stretta, anche di manovra.

Per raggiungere il 33 a piedi segui le indicazioni di qui sopra (come arrivare: in autobus).

Cliccare sulle foto per ingrandire
casetta mappa 2casetta 01casetta 02

CenrOterra era ed è un Cerchio di Sorellanza ..una sorellanza estesa a tutti donne e uomini.. uno spazio in cui al centro ci sta la Terra, nel senso di pianeta, di natura, di corpo, di connessione con i cicli naturali, di spiritualità radicata alla Terra, di capacità empatica gli uni con gli altri, di pazienza e saggezza, di slanci, di esplorazioni.. un centro di ricerca interiore e formazione sui temi a noi cari..

Siamo Francesca Pisano, educatrice, Ombretta Venturelli imprenditrice, psicologa e gestalt counsellor, ed io, Luisa Negrini, geologa e gestalt counsellor.
Tra noi, per ora come musa ispiratrice, Federica Tamburlini, Doula e accompagnatrice alla nascita e poi Giulia Verona che sta sviluppando un interessante aspetto di connessione tra la nostra Yoni il cuore ed il cielo attraverso il respiro.
Poi c’è il mio compagno Andrea Scher, sostegno e confronto a cui mi sarebbe difficile rinunciare, che sta portando la sua ricerca corporea attraverso la pratica bioenergetica.

(in progetto un nuovo sito e informazioni più dettagliate sul chi siamo e che facciamo)


 
     Condividi su Facebook